Loading...
Parco della Memoria 2017-07-13T16:03:37+00:00

Il Parco della memoria

Il Museo è stato inaugurato nel dicembre 2008. Esso è ubicato nella piazza San Nicola sita nel vecchio abitato distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale. San Pietro Infine fu raso al suolo dalle bombe delle forze alleate e ricostruito più a valle. Il Museo è stato organizzato in un vecchio frantoio oleario restaurato dall’Amministrazione Comunale e allestito da Officina Rambaldi di Carlo Rambaldi. L’ubicazione di questo edificio rispetto alla piazza San Nicola è di grande valore prospettico e ambientale, infatti il visitatore che si avvicina ha la sensazione di una dimensione contenuta e poco emergente che completa la facciata in pietra dell’edificio attiguo. La scelta di istituire qui un parco della memoria, nominato monumento nazionale, deriva dal desiderio di tenere viva la memoria delle atrocità di quel periodo.

La Seconda guerra mondiale decimò la popolazione. Durante i bombardamenti molti Sanpietresi si rifugiarono in quelle che vennero chiamate “grotte della valle”, alcuni si rifugiarono sul monte Sambucaro. Le immagini di quei tetri momenti sono state ritratte nel documentario The battle of San Pietro di John Huston.

Ristorante a Cassino per cerimonie e eventi, matrimoni, comunioni, cresime, battesimi, compleanni di 18 anni. IL VERNACOLO | CERVARO (FR).

Il Parco della memoria

Ristorante a Cassino per cerimonie e eventi, matrimoni, comunioni, cresime, battesimi, compleanni di 18 anni. IL VERNACOLO | CERVARO (FR).

Il Museo è stato inaugurato nel dicembre 2008. Esso è ubicato nella piazza San Nicola sita nel vecchio abitato distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale. San Pietro Infine fu raso al suolo dalle bombe delle forze alleate e ricostruito più a valle. Il Museo è stato organizzato in un vecchio frantoio oleario restaurato dall’Amministrazione Comunale e allestito da Officina Rambaldi di Carlo Rambaldi. L’ubicazione di questo edificio rispetto alla piazza San Nicola è di grande valore prospettico e ambientale, infatti il visitatore che si avvicina ha la sensazione di una dimensione contenuta e poco emergente che completa la facciata in pietra dell’edificio attiguo. La scelta di istituire qui un parco della memoria, nominato monumento nazionale, deriva dal desiderio di tenere viva la memoria delle atrocità di quel periodo.

La Seconda guerra mondiale decimò la popolazione. Durante i bombardamenti molti Sanpietresi si rifugiarono in quelle che vennero chiamate “grotte della valle”, alcuni si rifugiarono sul monte Sambucaro. Le immagini di quei tetri momenti sono state ritratte nel documentario The battle of San Pietro di John Huston.

Chiama